I capelli chiamano, le stelle rispondono. Dietro le quinte della collezione ASTRO


Scattare una fotografia. Quanta creatività si cela dietro un gesto rapido, racchiuso in un click, che cattura un mondo da raccontare. Un’idea, un messaggio, un valore da comunicare. Preparare lo shooting di una nuova collezione è sempre un momento creativo molto stimolante. Tante suggestioni, infinite prove, tante scelte da compiere, a volte anche molto in fretta. Per riuscire a cogliere i tratti più contemporanei della collezione che ho immaginato e messo a punto, focalizzando l’attenzione sul carattere dinamico delle proposte di hairfit. Quelle che per questo Autunno/Inverno ho affidato agli astri, per farne alleati di bellezza e charme soprattutto in vista del nuovo anno in arrivo.



La collezione Astro CDB, che ci accompagnerà durante queste festività natalizie, è fedele all’immagine di donna che non abbiamo mai tradito: vera, fresca, contemporanea, non parrucchierata. Come testimoniano i tanti book fotografici che abbiamo realizzato in trent’anni di attività artistica e creativa. E oggi ho pensato di portarvi con me nel backstage dello shooting con cui io e il mio Team abbiamo preparato il lancio di questa collezione “stellare”. Puntando da un lato sulla flessibilità dei tagli, adattabili a un doppio styling (liscio e mosso), per interpretare la voglia di coraggio e meno di romanticismo che identifica questo momento storico, e ciò con la voglia di scalare i capelli, con un piglio anni ‘70. Puntando dall’altro lato sui servizi glossing, che danno lucentezza ai capelli con un effetto quasi liquido che fa sbrilluccicare le chiome, declinato su tutte le tonalità in modo naturale.



La ricerca della sfumatura, alla base della nostra ricerca, ha guidato anche lo shooting di Astro per il quale abbiamo scelto di ricreare un’atmosfera misteriosa e magica, tra maschere dorate e volti da svelare, oroscopi e sfere di cristallo da consultare. Come se attraverso i capelli provassimo a interrogare le stelle sul futuro della bellezza. La vostra bellezza. Cercando un po’ anche quelle risposte, o semplicemente quelle ispirazioni, di cui sentiamo particolarmente bisogno quando un anno sta per chiudersi e uno nuovo sta per iniziare.



In questa occasione abbiamo sentito particolarmente l’ossessione che accomuna tutti gli shooting più recenti, cioè quella di tirare fuori quella nuance ben precisa che vogliamo e che di fatto corrisponde a quella che vediamo di presenza, senza che nella fotografia possa risultare alterata da luci e flash. Per questo ogni fotogramma lo controlliamo bene già al computer in tempo reale a mano a mano che il fotografo Antonio Di Maria scatta, mentre io faccio avanti e indietro dal set che ho davanti per perfezionare il look della modella. Ogni ciocca deve essere come dico io, con quel movimento, quel sistema, quella valorizzazione, su cui poi ci giochiamo tutto. Tenendo presente che anche le modelle hanno un volto ben preciso e quel taglio, quel colore, quello styling anche su di loro deve risultare felice e armonioso per ottenere un’immagine potente. Che valorizzi la loro personalità, così come deve accadere con la cliente in salone.

Ogni scatto deve, quindi, catturare quella chiave di contemporaneità che aggancia la collezione al presente, interpretandone il mood, le suggestioni, le aspettative. Una collezione, infatti, funziona se arriva nel momento esatto, non troppo in anticipo, meno che meno in ritardo. E l’aspetto più curioso del mio lavoro, a questo proposito, è che non appena mi affeziono a una collezione e inizio a metterla in pratica con voi, devo già iniziare a pensare quella successiva.

Vi stupirà forse sapere che, a fine novembre, abbiamo già realizzato lo shooting per la prossima stagione Primavera/Estate, di cui ovviamente non posso ancora svelarvi niente. Ma capirete bene quanto sforzo creativo e immaginifico ci voglia per realizzare in pieno autunno una collezione che si proietta nel tepore variopinto della primavera e che verrà poi lanciata a marzo 2022. Serve un grande lavoro di immaginazione e molta intuizione per scommettere su qualcosa che accadrà più avanti e per farlo leggo, guardo, sfoglio, osservo, giornali soprattutto ma anche il mondo che mi sta intorno. E soprattutto voi, che siete la principale ispirazione del mio visivo molto curioso che devo allenare continuamente.

Ho bisogno di vedere le cose per capirle e per spiegarle a mia volta ho bisogno di farle vedere. È un gioco della creatività: prendo i dettagli di una cosa e su quelli ne costruisco un’altra, che mi accende creativamente un altro progetto ancora. Sarà forse per questo che, per la collezione Astro, ho tirato fuori la sfera di cristallo dal cassetto e chiesto alle stelle di illuminarmi!


Un grazie speciale va al mio Artistic Team: Roberto Napoli, Nadia Ceccarelli, Angelo Tempesta, Patrizia Piscitello, Alfio Reitano, Cristian Sinopoli. E al mio Team Academy: Anna Cegliese, Flavio Scarfalloto e Graziella Politi.

256 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti